Archivi categoria: fotografia

ELIO CIOL TERRE DI POESIA FOTOGRAFIE 1950-2007

senza-titolo-1Ripercorrere l’opera del fotografo Elio Ciol. Questo l’obiettivo della mostra a cura di Fabio Amodeo ”Elio Ciol. Terre di poesia. Fotografie 1950 – 2007” che sara’ inaugurata, venerdi’ prossimo alle 18, al Centro Culturale Candiani di Mestre, dove potra’ essere visitata fino al 14 giugno. Le oltre cento immagini in bianco e nero, raccontano l’intero percorso artistico del maestro, dalla prima stagione di carattere neorealista con il racconto della vita dei campi in Friuli e sulle montagne friulane e venete, alle immagini di scena del film “Gli Ultimi” di cui e’ fotografo di scena, dal paesaggio, nella visione serena ed elegiaca di cui Ciol ha saputo rendersi protagonista, alle esperienze piu’ recenti, come l’elaborazione di trittici capaci di accostare esperienze visive diverse e la ricerca sulle ombre e sulla luce in soggetti naturali o nelle architetture.

2 commenti

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre

Beato Angelico

annunAi Musei Capitolini di Roma il grande protagonista del primo Rinascimento italiano. A conclusione delle celebrazioni per il 550° anniversario della morte di Fra’ Giovanni da Fiesole, meglio noto come Beato Angelico, la capitale, fino al 5 luglio, ospitera’ la piu’ grande mostra mai dedicata all’artista in Italia dopo la monografia a Firenze e in Vaticano del 1955. Per l’esposizione saranno presentate diverse opere mai esposte in passato, dal “Trittico” della Galleria Corsini di Roma alla predella della “Pala di Bosco ai Frati”, resataurati per l’occasione.

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre, pittura

Roma è “Fuori dall’ombra”

14312370Margherita Buy, Sergio Castellitto, Francesca Neri, Toni Servillo, Luca Zingaretti, Tim Roth, Pedro Almodovar e tantissimi altri in duecento ritratti del fotografo Gianmarco Chieregato, protagonisti della mostra ””, che sara’ inaugurata giovedi’ a Palazzo Venezia, per lanciare il Programma Bravo!, Birth Registration for All Versus Oblivion, la campagna promossa dalla Comunita’ di Sant’Egidio per favorire la registrazione anagrafica dei bambini africani.

”Nel mondo un bambino su tre non viene registrato all’anagrafe e nell’Africa Sub-Sahariana sono sette bambini ogni dieci. Sono bambini invisibili. E’ il grande e terribile giacimento per qualunque abuso – spiega Mario Marazziti, portavoce della Comunita’ di Sant’Egidio – dal traffico umano, a quello degli organi, alla prostituzione, al lavoro come piccoli schiavi. E poi non si puo’ andare a scuola, non si puo’ spezzare la spirale di marginalita’ e di poverta’, si diventa ”illegali” per il solo fatto di vivere; si finisce, spesso, in prigione da adulti. E’ il mondo dei bambini invisibili”.

La mostra di Gianmarco Chieregato, visitabile fino al 15 marzo (ingresso gratuito, dal martedi’ alla domenica, dalle ore 11 alle ore 19), in un percorso di oltre duecento ritratti di ”nomi” noti, di volti affermati, nel gioco artistico di luci e ombre, di colore e bianco e nero delle fotografie, trasmette al pubblico, emotivamente prima che razionalmente, la definizione dell’identita’ anagrafica come inalienabile condizione di esistenza.

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre

“Arte Fiera 2009” espone Bernd e Hilla Becher

berndandhillabecher01In occasione di “Arte Fiera 2009” e in concomitanza con l’antologica di Giorgio Morandi al Mambo, il Museo Morandi, a Bologna, ospita la mostra di Bernd e Hilla Becher, interpreti della fotografia in ambito concettuale. Nelle due sale centrali del museo, fino al 19 aprile, una selezione di 165 immagini raggruppate in 14 tipologie di soggetti abitualmente al centro dei loro scatti: altiforni, fornaci da calce, torri di estrazione, serbatoi, torri di raffreddamento, gasometri.A partire dal 1959 la coppia ha intrapreso un’opera di documentazione fotografica di edifici considerati oggi archeologia industriale, classificandoli per tipologie.

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre

Quindici fotografi per Anna Magnani

Sessanta scatti rendono omaggio ad Anna Magnani in occasione del centenario della nascita della grande attrice. La mostra fotografica ad ingresso gratuito – organizzata dal Centro Sperimentale di Cinematografia e allestita a Palazzo Valentini a Roma – espone fino al 18 gennaio le foto della Magnani ritratta sul set da quindici fotografi di scena.

anna-magnani_chronica“Sono felice e orgoglioso – ha detto oggi il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti – che la Provincia ospiti questa mostra. E’ un contributo per ricordare un personaggio unico nella storia del cinema. La sua straordinaria gestualità emerge anche nelle fotografie”.

L’attrice compare nelle foto con i più grandi registi che l’hanno diretta, come Fellini, Pasolini, Rossellini, Visconti. “La Magnani è al centro – ha proseguito Zingaretti – ma accanto a lei c’è anche la storia della cultura cinematografica”.

La mostra è nata in modo casuale. “In un convegno – ha raccontato il direttore generale del Centro Sperimentale di Cinematografia Marcello Foti – deluso per non esser riuscito ad allestire la mostra durante la Festa del Cinema, ho detto che secondo me Roma non facesse molto per rappresentare la Magnani. Zingaretti ha accolto il mio accorato lamento. Collaborando, le istituzioni sono in grado di rendere un ottimo servizio ai cittadini”.

Un’esposizione allestita in un tempo breve. “In meno di un mese – ha spiegato il Conservatore della Cineteca Nazionale Sergio Toffetti – abbiamo realizzato la mostra. Per fortuna la Cineteca Nazionale ha un archivio ricchissimo. Abbiamo scelto la via dei fotografi di scena che hanno lavorato sul set dell’attrice: è un modo per valorizzare anche il contorno di professioni che, come la Magnani, hanno fatto di Roma una città importante nel campo del cinema”.

La mostra verrà proposta successivamente in almeno due comuni della provincia di Roma per dare la possibilità anche a chi è lontano dalla città di avvicinarsi alla cultura.

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre

Uno scatto un Diritto… con Amnesty International

amnesty-internationalIl gruppo 261 di Amnesty International (Agro Nocerino-Sarnese) organizza la mostra fotografica intitolata “Uno Scatto un Diritto”.

La mostra si terrà ad Angri, dal 19 al 26 dicembre, presso la “Casa dell’ex-combattente” (di fronte al Castello Doria).

Nell’ambito delle celebrazioni che si stanno svolgendo in tutto il mondo per il sessantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, è stato allestito un percorso fotografico ad essa dedicato.

Cinque fotografi emergenti interpretano i 30 articoli della Dichiarazione con i loro scatti e attraverso l’arte della fotografia, evidenziandone la forza evocativa ma anche la sua stretta attualità.

Ciascuna fotografia sarà abbinata ad un articolo della Dichiarazione, in un percorso fatto di parole, immagini e musiche.

Durante la mostra fotografica sarà allestito un banchetto con materiale informativo sulle attività di Amnesty International, dove sarà possibile prendere una copia della Dichiarazione e firmare petizioni a favore di vittime di violazioni dei diritti umani.

L’inaugurazione del percorso fotografico, a cui seguirà un piccolo rinfresco, avverrà alle ore 20 del giorno 19 dicembre.
La mostra rimarrà aperta tutte le sere, fino al 26 dicembre(ad eccezione del giorno 25 dicembre)dalle ore 18 alle ore 22.

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre

‘I Macchiaioli e la fotografia’

image_1203108932_352Ai Macchiaioli e la fotografia e’ dedicata la mostra ospitata nelle sale del Museo Nazionale Alinari della Fotografia di Firenze, ultimo di una serie di eventi che l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, con il concorso del Polo museale fiorentino e di alcune altre istituzioni, ha promosso e prodotto nel 2008 per celebrare l’arte di Giovanni Fattori nel centenario della morte.

Un viaggio alle origini del rapporto fra artista e macchina, tra antico pennello e nuovo strumento di rappresentazione della realta’. A questo tema, che sintetizza lo spirito di un’epoca di frontiera e che percorre tutta la pittura figurativa dell’Ottocento. La rassegna, che restera’ aperta fino al 15 febbraio 2009, ricostruisce per la prima volta i passaggi di quello che fu, a suo modo, un amore a prima vista e che svela non pochi segreti della visione del mondo macchiaiola. Curata da Monica Maffioli con Silvio Balloni e Nadia Marchioni, l’esposizione nasce dalla collaborazione tra Ente Cassa, Fondazione Alinari (editore del catalogo) e Biblioteca Marucelliana di Firenze, con allestimento grafico di Stefano Rovai.

Si tratta di una selezione particolarmente significativa di circa 200 opere tra fotografie (numerosi gli inediti), dipinti (di Fattori, Signorini, Boldini, Banti. Gioli, Cabianca) e raffronti iconografici. Opere disposte secondo un racconto in cinque capitoli: Roma e la formazione di un codice visivo comune: i modelli fotografici per gli artisti; Firenze e la cultura visiva dei Macchiaioli: modelli, luoghi e personaggi; Banti, Cabianca, Signorini e la fotografia; un fotografo per i Macchiaioli e La Marsiliana, luogo d’incontro tra pittura e fotografia. Nella mostra diventano evidenti, non senza sorprese, le connessioni tra i due diversi modi di riprodurre la realta’. La fotografia fa propri i canoni estetici e le regole della pittura contribuendo cosi’ a trasformare le prospettive e le ricerche artistiche, in particolare dei Macchiaioli. Non pochi utilizzarono le fotografie come strumenti di lavoro, alcuni vollero essere essi stessi fotografi.
Fino al 15 febbraio 2009 al museo nazionale Alinari della fotografia

Lascia un commento

Archiviato in arte, eventi, fotografia, mostre, pittura