Archivi tag: seicento

Roma e i “100 Presepi”

Come ogni anno, oltre al Natale ritorna l’appuntamento con il presepe. A Roma dal 23 novembre al 7 gennaio ce ne saranno in mostra più di cento, per la manifestazione “100Presepi” che si tiene ogni anno per tutto il periodo indicato presso le Sale del Bramante in via G. D’Annunzio (vicino piazza del Popolo).

presepi_mostra_roma

Anche in quest’edizione verranno presentati circa 200 presepi, sempre nuovi, provenienti dal panorama internazionale. Forme, materiali e ambientazioni sono ovviamente di ogni tipo e epoca: con classici del ‘600 e ‘700 napoletano e siciliano e del’800 romano o con personaggi rappresentanti il folklore e le tradizioni natalizie di vari paesi del mondo. Materiali preziosi o di recupero utilizzati per organizzare il classico quadro della natività.

Ingresso: tutti i giorni dalle 9:30 alle 20:00
Per informazioni: 06-85357191 / 06-8542355
website: www.presepi.it

Lascia un commento

Archiviato in arte, Digressioni..., eventi, mostre

Da Rembrandt a Vermeer a Roma

ROMA. Il Secolo d’Oro dell’arte fiamminga e olandese arriva nella capitale con la mostra “Da Rembrandt a Vermeer. Valori civili della pittura fiamminga e olandese del ’600“, dall’11 novembre al Museo del Corso.

vermeerSono 55 le opere selezionate per l’esposizione italiana, che mostrano lo sviluppo conquistato nella pittura dai Paesi Bassi, ma anche le differenze rispetto a quella italiana. I quadri appartengono ai più grandi artisti dell’epoca, da Rembrandt a Anton van Dyck, da Vermeer a Rubens.

Di particolare rilievo si segnalano Tommaso di Carignano Principe di Savoia e Ritratto di gentildonna genovese di Van Dyck, ritrattista che, dopo un lungo soggiorno in Italia divenne il primo pittore di corte di Carlo I in Inghilterra; il Paesaggio con l’impiccato di Rubens; la Ragazza col filo di perle di Vermeer; La Madre e La pesatrice d’oro, di Pieter de Hooch, artista spesso paragonato a Vermeer per i soggetti di genere tratti dalla vita di tutti i giorni; il Ragazzo che canta con flauto del prolifico Frans Hals; Il cambiavalute e il ritratto di Hendrickje Stoffels di Rembrandt.

La rassegna porta per la primo volta in Italia questa serie di lavori che indagano l’intimità familiare della vita borghese e testimoniano i valori civili e sociali dell’Olanda del Seicento, periodo significativo per il paese, grazie al progresso economico e culturale raggiunto.

La mostra prosegue fino al 15 febbraio 2009.

3 commenti

Archiviato in arte, eventi, mostre, pittura